macchie-cutanee

Laser a picosecondi per eliminare le macchie cutanee

Nello studio medico della Dr.ssa Gloria Misasi è disponibile il Laser Pico, tecnologia all’avanguardia efficace nel trattare inestetismi come cicatrici, couperose e macchie cutanee.

Le macchie cutanee sono delle aree di iper- o ipo- pigmentazione della pelle, causate rispettivamente da un accumulo o una mancanza di melanina. Nel primo caso si presentano come macchie più scure, mentre nel secondo come macchie più chiare rispetto al colorito normale del tessuto.

Le cause alla base della comparsa delle macchie della pelle sono diverse: scompensi ormonali, invecchiamento, utilizzo di contraccettivi o determinati farmaci, ecc. Una volta comparse eliminarle è difficile: da qui lo sviluppo in medicina estetica di tecnologie e trattamenti per l’eliminazione di questi inestetismi sempre più precisi, efficaci ed innovativi.

Una delle tecnologie più utilizzate è il laser. Sono stati messi a punto strumenti e protocolli in grado di agire in maniera puntuale e selettiva sull’inestetismo da trattare, senza intaccare il tessuto circostante. Il principio sfruttato è quello del calore, che nel caso delle macchie agisce frammentando il pigmento per renderlo più facilmente eliminabile da parte dell’organismo stesso.

Il metodo più utilizzato finora per trattare le iperpigmentazioni (ma anche, con lo stesso principio, per eliminare i tatuaggi) è stato il Laser Q-switched: impulsi nell’ordine dei nanosecondi che agiscono in maniera selettiva sul pigmento da eliminare. Ancora più innovativo è il Laser Pico: impulsi in questo caso nell’ordine di picosecondi (ossia la millesima parte di nanosecondi) che riescono letteralmente a polverizzare il pigmento, il quale viene così smaltito più efficacemente e più velocemente da parte dell’organismo.

Laser Q-switched e Laser Pico trovano anche altre applicazioni: oltre all’eliminazione delle macchie solari, sfruttando lo stesso principio si possono eliminare anche lentigo solari, cicatrici dell’acne e tutte le lesioni pigmentate della pelle in generale, nonché procedere con la rimozione dei tatuaggi.

Nel nostro studio medico sono disponibili sia la tecnologia laser Q-switched e sia il Laser Pico, i quali vengono utilizzati con successo nell’eliminazione di tutti gli inestetismi sopra citati.

Le macchie cutanee: cosa sono e come si formano

Le macchie cutanee sono delle discromie della pelle, dovute principalmente ad un accumulo (macchie scure) o una carenza (macchie chiare) di melanina.

La melanina è un pigmento prodotto dai melanociti, cellule che si trovano alla base dell’epidermide (più precisamente a livello della membrana basale). La melanina determina il colore della pelle. Quando ci esponiamo al sole i melanociti producono più melanina, e in questo modo il nostro colorito diventa più scuro. In realtà la nostra pelle produce più melanina per proteggersi dall’azione delle radiazioni UVA e UVB dei raggi solari, le quali determinano un incremento del numero dei radicali liberi, molecole molto reattive che possono creare danni al DNA cellulare e contribuire al processo di invecchiamento cutaneo. L’abbronzatura quindi, altro non è che il risultato del meccanismo con il quale la nostra pelle si difende dal sole.

A volte e con il passare degli anni questo meccanismo può subire delle alterazioni, dando così spazio alla formazione delle macchie cutanee. Le più comuni sono quelle scure, causate da un accumulo di melanina e per questo chiamate anche con il termine più generico di lesioni da iperpigmentazione. Esse possono essere supportate anche da altre cause, quali ad esempio alterazioni nella produzione degli ormoni o i cambiamenti fisiologici che caratterizzano l’invecchiamento.

Le principali lesioni da iperpigmentazione cutanea sono le seguenti:

  • Melasma o cloasma: caratterizzato da una concentrazione non uniforme della melanina le cui cause sono da ricercare nell’esposizione cronica al sole ma anche a variazioni degli estrogeni. Non a caso infatti il melasma può comparire in gravidanza o in caso di utilizzo della pillola contraccettiva, ma anche di alcuni farmaci o semplicemente in seguito a forte stress.
  • Lentigo solari: possono comparire in seguito a scottature solari.
  • Lentigo senili: sono le macchie che si manifestano con il processo di invecchiamento cutaneo, e sono dovute ad un aumento del numero dei melanociti. In genere compaiono prima sul dorso delle mani, e più in età avanzata sul volto.

Per prevenire la comparsa delle macchie cutanee è quindi molto importante proteggersi durante l’esposizione al sole, o comunque non esporsi nelle ore più calde (quelle centrali della giornata) durante le quali i raggi solari sono più intensi e diretti. Oltre a questo è importante curare la pelle con una attenta e puntuale skin care quotidiana.

Laser Q-switched e Laser Pico: le differenze nell’eliminazione delle macchie cutanee

Laser Q-switched e Laser Pico possono Entrambi i tipi di laser possono essere utilizzati per l’eliminazione delle macchie cutanee. La differenza principale è che il Laser Pico permette di farlo con più efficacia e con un minor numero di sedute.

La caratteristica in comune è quella di poter essere settati su diverse lunghezze d’onda, in modo che il calore emesso dall’impulso possa agire sui diversi pigmenti in maniera rapida e selettiva, senza creare danni al tessuto circostante. Il calore frammenta il pigmento per renderlo più facilmente eliminabile da parte dell’organismo stesso, attraverso i macrofagi ed il sistema linfatico.

La differenza sta tutta nella durata dell’impulso: nel Laser Q-switched è nell’ordine di nanosecondi, mentre nel Laser Pico è nell’ordine di picosecondi (la millesima parte di un nanosecondo). La così breve durata dell’impulso permette di poter utilizzare un’intensità energetica più alta, attraverso la quale il pigmento viene più che frammentato: letteralmente esso viene polverizzato. Le microparticelle generate sono molto più facilmente aggredibili da parte dei macrofagi e quindi più velocemente smaltite da parte del sistema linfatico.

Laser Pico: la seduta, le applicazioni, i vantaggi

Il Laser Discovery Pico viene attualmente considerato lo strumento migliore in Europa e negli Stati Uniti. La tecnologia laser a picosecondi viene considerata la soluzione definitiva per la rimozione dei tatuaggi e delle lesioni cutanee pigmentate. Utilizzando un manipolo aggiuntivo il Laser Discovery Pico può essere impiegato anche per il ringiovanimento frazionale non ablativo.

La seduta è uguale a quella degli altri tipi di laser. Si eroga impulsi a una o più determinate lunghezze d’onda sulle zone da trattare. Il principio è sempre quello della fototermolisi selettiva, la differenza è che con il Laser Pico gli impulsi sono più brevi ma a più alta intensità. Il pigmento viene quindi ridotto in microparticelle, le quali vengono smaltite rapidamente dai macrofagi e dal sistema linfatico.

Questo permette di poter ottenere risultati analoghi a quelli ottenibili con un altro laser ma con un dimezzamento dei tempi. Per rimuovere ad esempio le macchie cutanee presenti in una determinata area del volto, se con il Laser Q-switched sono necessarie 10 sedute, con il Laser Pico ne bastano 5. I vantaggi per il paziente sono quindi evidenti.

Nello nostro studio di Medicina Estetica e Laserterapia il Laser Discovery Pico viene impiegato per il trattamento delle macchie cutanee, il melasma, le cicatrici acneiche, le cicatrici ipertrofiche e cheloidee ed altre lesioni pigmentarie, oltre che la rimozione dei tatuaggi.
Fissa ora un appuntamento per valutare se il trattamento è adatto alle tue esigenze.